Cani, gatti e la primavera

Cani, gatti e la primavera

  • Categoria dell'articolo:Attualità
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Cani, gatti e primavera

La primavera è alle porte!!! La natura si risveglia, il mondo “ritorna alla vita” dopo il sonno invernale. Per cani e gatti, come per noi, ci possono essere aspetti positivi quanto negativi. I problemi più frequenti…e qualche consiglio pratico. 


Allergie anche per cani e gatti

Nel periodo primaverile anche gli animali come gli uomini, non sono esenti da allergie soprattutto a pollini, erbe di stagione e punture di insetto. Come si manifesta l’allergia? Starnutiscono, si grattano, leccano o mordicchiano le zampe, oppure sfregano frequentemente il muso… Inoltre potrebbe aumentare la lacrimazione e l’insorgere di dermatiti. In questi casi occorre seguire i consigli del veterinario. È inoltre consigliabile portare a spasso i nostri animali nelle ore serali, quando i pollini non sono in circolazione.


Pulci, zecche e zanzare!

Con l’aumento delle temperature si risvegliano anche pulci e  zecche, che oltre ad essere fastidiosi possono provocare infezioni e trasmettere malattie da non sottovalutare. È importante proteggere i nostri amici con buoni antiparassitari.


Cani e gatti in amore

Con l’arrivo della primavera dobbiamo tenere sotto osservazione i nostri amici a quattro zampe, in quanto potrebbero mettere in atto comportamenti indesiderati quali scappare di casa, essere inappetenti, diventare insonni e nervosi…sono gli effetti dell’amore!!! Potrebbe essere presa in considerazione la sterilizzazione: questa pratica rende più tranquilli e pacifici i nostri amici.


Cambio stagione

Questo è il periodo della muta, durante il quale cani e gatti perdono il folto pelo cresciuto in inverno. Per aiutarli a liberarsi del pelo morto si consigliano frequenti spazzolate anche più volte al giorno ed eventualmente un bagnetto per favorire la rimozione del pelo in eccesso.


Alimentazione

Si consiglia un’alimentazione diversa da quella invernale. Diventano più attivi, quindi il loro fabbisogno energetico cambia. Si trovano in commercio alimenti completi ed in grado di apportare all’animale tutti i nutrienti di cui ha bisogno in modo equilibrato. 

Rispondi